domenica 30 marzo 2014

:)

Questo è un nuovo post dopo due settimane tonde tonde d'assenza. Più tonde di un mappamondo o della pancia di quel simpaticone di Giuliano Ferrara che mi piace tanto tanto come ricevere un dito in un occhio.  O anche come quella di mio padre che di certo è molto più simpatico dell'individuo di cui parlavo sopra, eccetto quando vuole che lo aiuti con internet perchè non capisce nulla di web ma non lo ammetterà mai.

Vi avevo lasciati con qualche riga riguardo il mio vecchio viaggio a Parigi, ma essendo partita per un nuovo camposcuola, stavolta in Italia, nonostante avessi già preparato cinque post belli e pronti, non sono riuscita a lasciarvi nulla di nuovo.

Così, al di là di questo post che non ha alcuna utilità se non tentare di giustificarmi in qualche maniera per essere sparita ( capirai che grande perdita)  e per fare in modo che voi che mi leggete ( o che anche magari per errore capitate nel mio blog e qualcosa di sfuggita vi capita di vedere scritto attraverso lo schermo) vi possiate preparare psicologicamente all'ennesimo ritorno di una me un po' raffreddata ( capirai che novità) e che, come avrete notato, sta passando un periodo in cui ha l'ossessione per le parentesi ( come se non si fosse notato).

lunedì 10 marzo 2014

Campiglia Marittima

Quale luogo migliore per rilassarsi durante l'estate della maremma toscana?
Ci vado quasi ogni anno da quando sono piccina in quei luoghi in cui mare e collina si abbracciano rendendo unico ogni momento e creano paesaggi straordinari.

Come primo post della rubrica ( la chiamiamo così?) Places, propongo proprio uno di questi paesini:




Campiglia Marittima.

Campiglia Marittima si trova in provincia di Livorno e il suo nome deriva dal latino campus e da maritima, ovvero della maremma. L'attributo Marittima fu, però, aggiunto solo in seguito, nel 1862, mentre era già famoso come Campillia poco dopo l'anno mille.

  














Abitato fin dall'epoca degli etruschi, che sfuttavano i minerali della zona, e dei romani, il paese fu di proprietà della famiglia Della Gherardesca e Della Rocca. Facente parte dei domini di Pisa, costituì, dopo la conquista fiorentina, la parte più a sud che Firenze poteva vantare in Maremma. 







Le cave di marmo di Campiglia Marittima, già sfruttate dai romani fin dai tempi più remoti, procurarono al capoluogo toscano i materiali per realizzare Santa Maria del Fiore.




Nonostante non abbia potuto assaggiare la schiccia campigliese, una torta croccante che rappresenta il dolce tipico di Campiglia Marittima, a causa della mia intolleranza al lattosio ( aaargh!), ho mangiato la pizza maialona, una pizza con salame, salsiccia e pomodoro. Un gusto di pizza del genere si può trovare ovunque, ma solo per il nome che le è stato affibbiato, ci ho riso per settimane! c;



( questa è quella che ho anche pubblicato su instagram)



sabato 8 marzo 2014

Streghe, La riscossa delle donne d'Italia

Era da un po' che questo post era in attesa di essere pubblicato, così ho deciso di mostrarvelo proprio nella giornata della donna, ricordando che ognuna di noi deve essere festeggiata ogni giorno e non solo l'8 marzo. Un augurio a chi crede in questa festa :).


Quanto può penalizzarci il fatto di essere donne? Se il Paese in cui si vive è l'Italia, non poco. 
Così è nato questo libro: il bisogno di riscattarsi e di risvegliare le giovani menti femminili per combattere per i diritti di loro stesse. Nel ventunesimo secolo non è possibile che ci si trovi ancora di fronte al bivio carriera o maternità, quando in altri Paesi europei è possibile scegliere entrambi senza alcun rimpianto. 
Un viaggio attraverso i mestieri, femminili e non, fra cui quello più vecchio del mondo; le vocazioni e le varie opinioni di donne in carriera, donne di famiglia, politici maschi e femmine.
Un occhio verso i Paesi scandinavi e l'Olanda, ma anche verso la Francia e la Spagna, così vicini a noi eppure così avanzati rispetto al bel Paese, vittima anche della presenza di qualche crocifisso di troppo. 

Pubblicato nel 2007, quando le figure più importanti della scena politica italiana erano D'Alema, Weltroni e Berlusconi, chissà che ne pensa la Gruber di Renzi e dei suoi otto ministeri rosa. 



Titolo: Streghe, La riscossa delle donne d'Italia ,
Autore: Lilli Gruber,
Editore: Rizzoli,
Genere: saggistica,
Prezzo: 19,50 euro.


"E i teenager spesso con la realtà hanno poca esperienza. Molte giovanissime sognano di fare le veline e molte meno di diventare pilota di Boeing. E guarda caso la tv di cui si nutrono mostra più veline che pilotesse. Forse un'influenza sul loro immaginario esiste." 

mercoledì 5 marzo 2014

Questa giungla mi distrugge.

E non ci sono le gocciole a tirarmi su il morale.

Mi toglie tempo per leggere ( ho dei libri in attesa da mesi), guardare film, uscire a fare shopping spensieratamente e scrivere nel blog. E, come se non bastasse, la sera sono talmente stanca che basta che mi stenda un pochino sul divano che gli occhi si chiudono e Morfeo mi rapisce per mondi lontani e senza tempo che spesso, però, si rivelano incubi.

Si aggiunge, poi, la voglia di primavera che un giorno c'è e quello dopo già è tornata via. Anche il tempo contribuisce a darmi una buona dose di stress e a rendermi un po' malaticcia con naso pieno e decine di starnuti uno dietro l'altro.

Dopo diciassette anni posso affermare che il raffreddore ed io non ci laaasceremo maaai, abbiamo troooppe cose insieeeeemeee, purtroppo. Altro che Fazio con la Littizzetto nella pubblicità di Sanremo.

In attesa di un attimo di pace e tranquillità e di meno stress che mi permetta di postarvi un po' di notizie e idee arretrate, buon inizio di marzo